Recensione: “Orca” di Arthur Herzog III

Qualcuno avrà visto il film “L’orca assassina”, un film del 1977 con Richard Harris e Charlotte Rampling, ma pochi conoscono il libro. Il nucleo del romanzo non è la lotta dell’uomo contro la natura come ne “Il vecchio e il mare” di Ernest Hemingway, ma – come in “Moby Dick” di Herman Melville – un animale, figlio della natura, caricato dall’uomo di valore negativo, personificazione del male di una vita.
Pur risentendo con evidenza della lezione dei due maestri, il libro non raggiunge le vette dei romanzi citati, né vi si avvicina. Lo stile non ha guizzi o una personalità memorabile, i personaggi potevano essere meglio costruiti e i dialoghi sono spesso forzati, anche se credo che ciò sia imputabile alla (datata) traduzione italiana che tende a edulcorare le espressioni colorite anche quando, trattando di pescatori e uomini del popolo, questa tendenza andrebbe evitata. A parte questo, il romanzo non è sgradevole, tutt’altro. È ben strutturato e piuttosto avvincente.
A me è piaciuto e mi sono piaciute le interazioni fra i personaggi, anche se le situazioni, in alcuni momenti, erano descritte attraverso uno sguardo molto (forse troppo) cinematografico, quasi a voler suggerire l’utilizzo del romanzo in tal senso (come poi è stato fatto).
Un romanzo onesto e, pur senza guizzi, piacevole, che mi sento di consigliare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: